Presi a Brescia due fanatici dell'Isis, progettavano attentati a Milano e Roma e alla base militare di Ghedi

. Cronaca

"Siamo sulle vostre strade, lo Stato Islamico a Roma": questo il tenore dei messaggi minacciosi postati sul web da due fanatici simpatizzanti dell'Isis arrestati stamane a Brescia. Si tratta di un tunisino e di un pakistano, da anni in Italia con regolare permesso di soggiorno e con un lavoro, che dall'aprile scorso postavano su Internet e su Twitter, con account inneggianti al Califfato, istruzioni su come si diventa "un bravo mujaeddin" o anche le indicazioni di Bin Laden per diventare kamikaze al servizio della Jihad e scritte con sullo sfondo luoghi-simbolo italiani come il Duomo di Milano e il Colosseo. Nelle intercettazioni cui sono state sottoposte le loro conversazioni (in italiano) i due parlavano anche del desiderio di uccidere "due, tre carabinieri". Sempre nelle intercettazioni anche il progetto di un attentato alla base militare di Ghedi, nel bresciano. I fermati si chiamano Lassad Briki, nato il 12 febbraio 1980 a Kairouan in Tunisia (dove si è recato dopo l'attentato a Sousse scattando foto sulla spiaggia della tragedia) e Muhammad Waqas, nato il 16 agosto 1988 a Gujirat in Pakistan. Il primo faceva l'operaio, il secondo l'autista. Sono accusati di "adesione e partecipazione all’organizzazione terroristica denominata Stato islamico", come spiegato dal procuratore aggiunto antiterrorismo Maurizio Romanelli. L’indagine che ha portato al loro arresto è stata svolta dalla polizia postale di Roma e Milano e dalla Digos. Secondo quanto riporta Corriere.it il 31 maggio scorso il tunisino diceva al telefono con il pakistano, che gli rispondeva: "Voglio fare una cosa prima di andare via...". "Ammazzare due, tre carabinieri!". Lassad: "Sii". Waqas: "Io odio tanto i carabinieri". Dopo il fermo dei due aspiranti 'lupi solitari' il ministro dell'Interno Alfano ha twittato: "Arrestati questa mattina 2 sostenitori dell’Isis a Brescia. Nostro sistema controllo dimostra ancora una volta la sua efficacia #senzasosta".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA

 




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi