Dopo il "divorzio breve" 'annullamento "super-breve" e conveniente. Rivoluzione Papa dopo 300 anni e sole 3 cause per annullamento

. Cronaca

Il Papa ha fatto un'altra rivoluzione epocale, mettendo fine ad un diritto canonico che durava da trecento anni, dai tempi di Benedetto XIV, Papa Lambertini, considerato un grande Papa. Nome che fu poi ripreso da Giacomo Battista, Benedetto XV, Pontefice fiero oppositore della prima guerra mondiale, definita "l'inutile strage" e da Papa Ratzinger, l'atro Papa, molto ripianto dai conservatori, con il nome di Benedetto XVI. Fino ad oggi il diritto canonico era rigido, anche se aggirabile con molti soldi, come tutti sanno. Tre solo le cause perche' la Sacra Rota, con un doppio lungo giudizio che doveva essere conforme,  potesse dichiarare la nullità. Vizio di consenso prima delle nozze (che poi era la causa, quasi sempre evocata, spesso con grande falsità), impotenza non dichiarata prima del matrimonio oppure volontà di non procreare, anche questa manifestata prima delle nozze. Eppure molti ricchi e potenti, con tanto di figli, e quindi con le due seconde strade impercorribili hanno ottenuto la nullità. L'elenco delle personalità e' molto lungo. Ora e' arrivato questo Papa argentino a mettere a nudo tutte le pecche della Sacra Rota, che non sarà certo contenta di essere stata di fatto esautorata di un potere secolare. Aveva un enorme potere all'interno della Chiesa. Sara' il vescovo locale che deciderà sull'annullamento e basterà un solo grado di giudizio per l'annullamento. Addirittura in caso di matrimonio non consumato, la dispensa potrà essere ottenuta senza processo. La decisione e' contenuta in due Motu Proprio, ovvero decisioni del Papa senza consultare la Curia. Che e' sempre più insofferente. Se il vescovo decidera che si faccia un processo, dovra' celebrarsi entro al massimo un anno e la sentenza diventerà esecutiva se non ci sarà appello o le motivazioni d'appello dovessero risultare manifestamente infondate. Non più dunque le due sentenze conformi, come finora e' stato. La condizione per accedere al procedimento vescovi e' pero' che siano d'accordo entrambe le parti, cioe' senza contenzioso. Fra le cause anche la violenza e l'aborto. Molti divorziati risposati sperano di potere vedersi annullato il matrimonio, anche se non sono milionari. In realtà, almeno l'ex coniuge dovranno convincerlo… Va ricordato che secondo il Concordato, annullamento vale a tutti gli effetti come divorzio. Ed ora inaspettatamente potrebbe diventare anche la via più breve, più breve del divorzio breve. Un capolavoro di Papa Francesco.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 . 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi