Ondata di arresti per appalti Anas, anche un ex-sottosegretario. La 'dama nera'. Pignatone sconsolato "Corruzione quotidiana"

. Cronaca

Ondata di arresti - dieci - e centinaia di perquisizioni in tutta Italia da parte della Guardia di Finanza per tangenti in appalti dell'Anas, l'azienda pubblica per le strade. Tra quelli finiti in manette per associazione a delinquere finalizzata alla corruzione e al voto di scambio, dirigenti e tecnici dell'Anas, tre imprenditori e anche un ex-sottosegretario alle Infratrutture del secondo governo Prodi, Lugi Meduri (ex-Margherita, ora Pd, già presidente della regione Calabria). Meduri, nato a Reggio Calabria nel 1942, è membro dell'assemblea nazionale del Pd. Non è più in Parlamento dal 2006. Gli arresti sono stati operati dalla GdF in un'inchiesta - l'operazione è stata denominata 'Dama nera' - condotta dalla Procura di Roma. 'Dama nera' era soprannominata una dirigente dell'Anas, Antonella Accroianò che è la principale indagata. 'Sconsolato' il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone di fronte al quadro emerso dalle indagini per "la quotidianità della corruzione vista come una cosa normale", "una cosa deprimente". Lo stesso procuratore capo ha fatto sapere che il nuovo presidente di Anas, Gianni Vittorio Armani, è estraneo ai fatti e si costituirà parte offesa. E poi ha aggiunto, ricostruendo i movimenti della dirigente Anas: "La mia sensazione leggendo le carte, Che sono prevalentemente, ma non solo, intercettazioni, è la sensazione deprimente della quotidianità della corruzione. La principale indagata, chiamata la 'dama nera',  va in ufficio per lavorare ma il suo lavoro è gestire il flusso continuo della corruzione: c'è la borsa sempre aperta, arriva qualcuno e ci mette una busta. Tratta pure male i collaboratori, che non sono ritenuti all'altezza nell'avere a che fare con gli imprenditori per riscuotere le mazzette. La sensazione della lettura di queste carte è la quotidianità della corruzione vista come cosa normale...".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi