Manovre torbide in Vaticano, rischio di Vatileakas economica. L'ambizioso e la mondana

. Cronaca

Dentro le mura vaticane ma soprattutto nei sottoboschi vaticani e' in corso una guerra con tanto di regolamento dei conti, con avvertimenti di stampo quasi mafioso. E dentro c'e' il nuovo ed il vecchio in un mescolo inquietante con tanto di colpi bassi. Il duo Vallejo Balda e Francesca Chaouqui, giovane donna, 32 anni, di pubbliche relazioni ma sembra anche di sfrenate ambizioni arrestati. Con soppressa di tutti, o quasi. E' vero che da mesi erano caduti in "disgrazia", ma e' pur vero che le loro fortune iniziali sono legate ad una scelta diretta del Papa. Che poi si deve essere pentito. il prelato nelle prigioni dello Stato Pontificio, per avere divulgato notizie riservate riguardanti la Curia (reato previsto dal diritto canonico con pena fino ad otto anni di carcere ) e' un monsignore spagnolo, legato all'Opus Dei, che pero' ha subito preso le distanze. Ambizioso, molto, era l'astro nascente delle finanze vaticane. Forse la comune lingua spagnole con Bergoglo e la sua dichiarata ostilità al cardinal Bertone (non apprezzato dal Papa) hanno favorito il nascere di un forte legame, tradottosi nella nomina a fare parte della Commissione d'inchiesta sulle finanze vaticane. E il monsignore spagnolo aveva fatto nominare nella stessa commissione anche Francesca, una sorta di lobbista, priva di curriculum, ma amante di feste vip e potenti. Tutto un mondo che non c'azzecca nulla con l'insegnamento dell'attuale ed indiscusso capo della Chiesa di Roma. Il monsignore e la lobbista poi hanno anche litigato per gelosie tra loro e lei, che e' stata rilasciata perché collaborativa, denuncia: "Qui c'e' un clima da lunghi coltelli". Qualcuno si era accorto di loro, come un alto esponente vaticano, che un anno fa sussurrava: "Hanno accesso a documenti riservati, e c'e'i rischio di una Vatileakas economica. (Vatileaks fu un neologismo coniato dal portavoce della Santa Sede, padre Lombardi. Vati come Vaticano e leaks, in inglese crepe, per definire lo scandalo scopato in Vaticano ai primi mesi del 2012 e che porto' alle dimissioni di Benedetto XVI, tradito dal maggiordomo infedele, Gabriele Paoletto, arrestato, giudicato e infine graziato). Questa ultima storia e'una sorta di metafora di un cambiamento a tratti molto ambiguo, con venti di novità accompagnati sempre dal trasformismo e forse dalle difficoltà dello stesso Francesco a comprendere appieno tutti gli intrecci dl sottobosco vaticano e riconoscere le persone più affidabili. E' una zona grigia estesa ed infida, una vera palude fatta anche di interessi ed inganni. Così il duo verrebbe da dire "diabolico" ostentava potere anche millantando. Ma entrambi avevano libero accesso a Santa Marta ed erano molto ascoltati. Finche'? Finche non accaddero due episodi, che fecero ricredere il Santo Padre. Il primo, una festa esclusiva molto vip, costata 20mla euro, su una terrazza vaticana per la canonizzazione di Giovani XXIII e Giovanni Paolo II. Soldi in tartine e champagne e non ai poveri. Bergoglio si infurio' davvero. E forse i due avrebbero dovuto anche immaginarlo. O si sentivano estremamente protetti? L'altro uno spiacevole incidente che ha indirettamente investito i genitori del premier Matteo Renzi. L'intraprendente Chaouqui gli promise di introdurli personalmente con il Pontefice. Bergoglio informato che quel giorno nella sala da pranzo lo aspettava una specie di trappola finse una indisposizione, saltando pure di mangiare, pur di non mortificare nessuno. Non saranno Bonnie and Clyde ma certo hanno aperto una nuova voragine. Non ci sarebbe da meravigliarsi se alla fine l'arresto del monsignore avesse riflessi sulla gestione economica della Sante Sede. Forse i due accusati sono pedine di un gioco più grande e più sporco, un altro tentativo spettacolare, l'ennesimo, di destabilizzare un papato, sfruttando gli errori commessi in nome del rinnovamento, per disdirlo completamente, Una manovra torbida. E con mandanti sempre più oscuri. Non si capisce più niente tra il vecchio ed il nuovo. Perché a pagare il conto sono anche molti della secolare Curia. Ci sono forse altri nuovismi in agguato? 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi