Crocifisso immerso nell'urina, opera blasfema in festival patrocinato dalla Regione Toscana

. Cronaca

Un Crocifisso immerso nell'urina. La vogliono fare passare per arte. Bah… Al Photolux Festival di Lucca, dal 21 novembre al 13 dicembre, verra' esposta la "Piss Chirst", una fotografia realizzata da Andres Serrano, fotografo statunitense. Immortala un Crocifisso immerso in un bicchiere pieno della sua urina. Sono anni che l'opera da' scandalo. Molto criticata in America. Ma la Regione Toscana sponsorizza la mostra. Un'opera che umilia Cristo e la religione cattolica. Certo se fosse stato Maometto, cosa altrettanto detestabile, ad essere messo nell'urina, ci sarebbe da temere e molto, per la mostra ed i suoi curatori. Sarebbero necessarie le forze speciali per evitare il peggio. I leghisti annunciano manifestazioni di protesta ed invitano cittadini toscani ad unisti alla loro pacifica manifestazione per boicottare l'evento. Secondo il direttore del festival, Enrico Stefanelli, invece, l'opera ha pieno diritto ad essere ospitata. "Lo spirito del festival - ha spiegato - e' quello dell'equilibrio in un contesto di libertà. Quell'opera non e' nata come un oltraggio o una contestazione del Cristo, quanto piuttosto della mercificazione delle immagini. Poi dobbiamo collocarla nel periodo storico in cui e' stata realizzata, negli anni 80". Sicuramente al Papa non piacerà e forse anche Renzi, quando sarà debitamente informato, non approverà. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Commenti

0 # Maria 2015-11-15 15:15
Adesso a qualsiasi schifezza la chiamano "opera d'arte"... Ci mettesse la sua di faccia nell'urina se ha il coraggio, visto che gli piace giocare con i suoi bisognini a questo porco... Come se sommerggere qualsiasi cosa dentro l'urina fosse arte... Allora mio figlio sarebbe un genio! perche da bambino aveva l'abitudine di gettare qualsiasi cosa li capitava dentro il vasino dopo aver fatto i suoi bisognini. Questo non è soltanto una offesa per i cristiani, ma anche all'arte. Come direbbe il famoso critico d'arte Vittorio Sgarbi, al riguardo: "questo deficiente che artista non è, soltanto un imbecille oggettivo. CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! CAPRA! .... .... (Mi scuso ufficialmente del paragone con gli animalisti e con le capre).

I commenti sono chiusi