Renzi 'apre' la Variante di Valico, "Finalmente. L'Italia riparte". Nove anni di lavori, 70 Km e un costo di 7 miliardi

. Cronaca

"L'Italia riparte" ha twittato Matteo Renzi poco prima di tagliare il nastro della Variante di Valico in direzione sud, nel tratto appenninico della A1, tra Firenze e Bologna. La variante sarà percorribile in tutti e due i sensi a partire da stasera. Nove anni di lavori, settanta chilometri, la metà in galleria, un costo di 7 miliardi (il 60% in più rispetto a quanto previsto all'origine). "Grande emozione: finalmente si inaugura la variante di valico. Non ci credeva più nessuno, ma " ha scritto il premier che poi ha preso la parola per attaccare ancora una volta i 'gufi':"Oggi è arrivato il giorno che sembrava non dovesse arrivare mai, che manda in soffitta i professionisti del 'tanto non ce la farete mai', del piagnisteo e della lamentazione, è il giorno che sembrava talmente lontano l'anno scorso". Per Renzi l'inaugurazione della Variante di valico "è il modo migliore per chiudere il 2015, è un segnale di ripartenza, perché se l'Italia fa l'Italia non ce ne è per nessuno". Le prime auto a percorrere il nuovo tratto autostradale sono state alcune decine di 500 tricolori. "Visto che traffico? É Natale, se ci eravamo promessi di aprire prima di Natale c'è un buon motivo, il 23 é giorno di grande traffico e prima apriamo prima diamo un grande servizio" ha detto l'Ad di Autostrade Giovanni Castellucci inaugurando con Renzi la Variante che "segna la storia delle autostrade". I lavori per realizzarla "sono durati nove anni, nulla da invidiare ai tempi realizzativi che vengono impiegati all'estero. I tempi sono stati congrui". "L’opera -  ha aggiunto Castellucci - è costata di più di quanto preventivato, ma è fisiologico, anche per l’aumento del costo delle materie prime rispetto a 17 anni fa, ma sono orgoglioso che l’aumento del costo iniziale sia stato solo del 60%. Altre opere nello stesso periodo hanno moltiplicato per tre o quattro volte il costo".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi