L'Italia si fa scippare il pesce spada dalla Francia

. Cronaca

Non e' proprio un bel periodo nei rapporti tra Roma e Bruxelles. Come se non bastassero i continui bisticci tra Renzi e la Commissione Ue, ora ci si mette anche un grana commerciale. che non  si capisce bene di chi sia figlia. Perché sia il ministero dell"Agricoltura che quello degli Esteri giocano  a scarica barile. E' il Secolo XIX, il quotidiano di Genova, a tirare fuori questa storia bizzarra del pesce spada. I pescatori francesi hanno sottratto a quelli italiani, per colpa di un trattato bilaterale con la Francia, firmato dal nostro governo, un'ampia zona di pesca. Buona parte dei mari più pescosi di pesce spada sono stati sottratti ai pescatori liguri, toscani e sardi. Cosa abbia ispirato questa modifica di un trattato che era in vigore dal 1892 rimane un mistero. L'unica fortuna e' che il trattato debba ancora essere ratificato dal Parlamento. Speriamo che ci sia un ripensamento, anche se la Francia ha già proceduto con   dei nuovi confini marittimi. Il peschereccio ligure Mina e' stato sequestrato e poi dissequestrato dietro il pagamento di una multa di 8mila e 200 euro. In contanti sostenendo di non potere accettare assegni di banche italiane.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi