Il veliero ultracentenario, "Fiamma nera" il due alberi del Duce sequestrato per Mafia Capitale

. Cronaca

In un maxi-sequestro nell'ambito dell'inchiesta mafia Capitale sono stati confiscati beni per 28 milioni ad un imprenditore 69enne di origini campane, Salvatore Squillante. Tra questi beni c'e' anche un due alberi di 23 metri, uno yacht, costruito nel 1912, e che fu con il nome di "Fiamma Nera" anche la barca del Duce. Dove vi trascorse svariate vacanze con Claretta Petacci. L'Imbarcazione e' stata sequestrata in Spagna a Valencia e finirà all'asta. Molto difficile attribuirgli un valore, perché di fatto e' fuori da un normale mercato. "Bellissima, una barca bellissima…". Così si ricordano a Fiumicino il Konigin II, un due alberi varato nel 1912 a Brema da Abeking & Rasmussen, prestigioso e leggendario cantiere tedesco. Il Koningin, originariamente del barone Von Dazur, arriva in Italia agli inizi degli anni trenta, quando l'acquista Alessandro Parisi Nobili, industriale e gerarca del fascismo. Incurante delle ferree regole marinare, che impongono ad una barca di non cambiare il nome, Parisi la ribattezza "Fiamma Nera" e ne fa omaggio al Duce. Negli stessi anni veleggiava nei nostri mari anche un altro splendido due alberi, lo Skagerrack, che era di Adolf Hitler. Dopo l'8 settembre la barca non si salva dalla superstizione marinara e fa rotta verso nord, verso il Golfo del Tigullio, ancora occupato dai tedeschi. Davanti a Rapallo viene fatta affondare sperando di salvarla dalle requisizioni. Così com'era viene recuperata, dopo la guerra, dal conte Sereni che le cambia nuotante il nome in Serenella. Negli anni cinquanta arriva un nuovo armatore che le riconsegna il nome originario, Konigin II e grazie alle ricerche negli archivi nei cantieri di Brema viene riportata anche negli interni all'originale. Cabina armatoriale a poppa con letti gemelli e divanetti in pelle bordeaux capitone', due bagni, due cabine per gli ospiti, dinette, cucina ed a prua le cuccette per i marinai. Gli arredi sono tutti in mogano. Per la boiserie laccature bianche. Infine un ultimo restauro nel 2009 quando esce fiammante da un canterie alle porte di Roma, per finire poi nelle mani di Squillante. Che la porta in Spagna. Chi la acquisterà ora all'asta giudiziaria?

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi