Parte Sanremo ma è bufera in Rai per l'attacco di Anzaldi ai vertici: "Come le tre scimmiette...". I capigruppo Pd difendono presidente e dg

. Cronaca

Stasera parte Sanremo, fortezza invincibile del palinsesto invernale di Rai1 da cui ci si aspetta il solito picco di ascolti, ma a viale Mazzini c'è aria di bufera per l'attacco portato da Michele Anzaldi (Pd, membro e segretario del Commissione di Vigilanza, ex-portavoce di Rutelli, deputato che Grillo ha definito 'Goebbels del renzismo') ai vertici, segnatamente il presidente Monica Maggioni e il dg Antonio Campo Dall'Orto. Attacco cui hanno risposto con una nota congiunta due big dello stesso partito di Anzaldi, i capigruppo Pd alla Camera e al Senato, Rosato e Zanda, accorsi in difesa della presidente e del dg maltrattati dal collega. Su di loro (presidente e dg Rai, ndr) "ci siamo sbagliati", aveva confessato Anzaldi al Corriere. E ancora "con loro la Rai è peggiorata tantissimo sia sul piano della comunicazione sia su quello della trasparenza", sono "muti nel loro silenzio, altezzoso e arrogante", "non vedono, non sentono, non parlano"."Ogni giorno - proseguiva Anzaldi - l'azienda è sotto accusa per qualcosa: e loro che fanno? Non spiegano, non commentano". "La verità è che quei due si sono rivelati peggiori dei loro predecessori. Eppure ce li abbiamo messi noi della Vigilanza...". Ma il Pd, almeno per il momento, si è schierato a favore dei vertici Rai. Rosato e Zanda hanno diffuso un comunicato in cui dopo aver definito "valutazioni personali" quelle di Anzaldi affermano: "La Rai sta attraversando, grazie alla riforma da poco approvata dal Parlamento, una fase di transizione che deve garantire efficienza, dinamismo e competitività all'altezza delle sfide del nostro tempo. Per questo rinnoviamo la nostra fiducia nei vertici dell'Azienda che stanno gestendo la più grande impresa culturale del paese, una sfida che non si improvvisa né si risolve nei primi pochi mesi del loro mandato". Come dire: diamogli tempo, poi valuteremo.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi