Svizzera, in 4 casi su 5 i medici aiutano a morire i malati terminali. Casi quadruplicati dal 2001

. Cronaca

Accade a pochi chilometri dai nostri confini e ciò determina ancor maggiori spunti di riflessione circa un tema etico da sempre dibattuto: i viaggi per trovare la “dolce morte”. In uno studio che riguarda la Svizzera tedesca pubblicato sulle riviste "JAMA International Medicine" e"Swiss Medical Weekly", ricercatori delle Università di Zurigo e di Ginevra hanno rilevato che in più di quattro casi su cinque i medici che hanno in cura malati terminali praticherebbero una forma di assistenza al suicidio, spesso rinunciando a misure di accanimento terapeutico. La ricerca che ha riguardato 2256 casi di morti "attese" e"non improvvise", nell'ambito di un’indagine statistica realizzata nel 2013 presso i medici curanti, ha scoperto un dato inquietante: solo nel 18% dei casi i medici non hanno preso nessuna misura che avrebbe in qualche modo potuto anticipare il decesso. In più di due casi su tre si è invece deciso di interrompere una terapia e sono stati somministrati farmaci contro il dolore. Nel 3% dei casi i medici hanno praticato, in accordo con i pazienti, una forma di assistenza attiva al suicidio. Una prassi sempre più frequente consiste nel somministrare ai pazienti dei sedativi per indurre, poco prima del decesso, una forma di sonno profondo, scrive in una nota l'Università di Zurigo. Rispetto ad uno studio del 2001, questi casi sono quadruplicati. Dopo i risultati di questo studio viene da chiedersi quanti tra i casi esaminati siano “turisti” del suicidio e quanti fra questi siano italiani dal momento che in Italia queste forme di “aiuto alla morte” sono vietate. Da noi il dibattito è fermo da anni su un problema che richiede un intervento normativo. Una legge che viene da tempo sollecitata da diverse associazioni (tra cui lo 'Sportello dei diritti' di Giovanni D'Agata) e che ormai appare indifferibile.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




L

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi