Ma sono più razzisti i buu o il Tweet del Bayern con i binari morti che portano a "Qui e' la fine" come ad Auschwitz?

. Cronaca

Un brutto, bruttissimo episodio. Che non si può archiviare solo con le scuse ed il ritiro del post da parte del Bayern Monaco. Questo si' che e' vero razzismo , altro che gli innocui buu, spesso gridati dai tifosi solo per contestare un giocatore, al di la' del colore della pelle. Qui non ci sono dubbi, e siccome dalla Uefa arrivano comunque le sanzioni per i buu, anche se poi i tifosi smettono di urlare, così dovrebbero arrivare seri provvedimenti, non basta certo una multa, anche per il Bayern. Con l'aggravante che il post e' stato pubblicato non da semplici tifosi, ma sul sito ufficiale del club, Quindi con una responsabilità diretta e non solo oggettiva. Vedremo… Un binario morto che arriva alle porte dell'Allianz Arena, come se fossero le porte di Auschwitz, sul quale si erge un Neuer gigante, con sopra il motto della Juve "Fino alla fine", cancellato da una croce, con la frase-sentenza. "Qui e' la fine", che ribalta il motto bianconero e risuona come un epitaffio all'avventura europea degli uomini di Allegri. Così questo post tanto spavaldo, quanto arrogante e dal sapore decisamente razzista (impossibile non averci pensato, perché anzi e' stato, probabilmente, pensato proprio ricorrendo alla similitudine voluta) apre la  sfida di Champion League, con un'immagine che ricorda una delle più tristi esperienze che l'umanità abbia vissuto, quella dei binari che terminavo all'interno dei campi di concentramento. I tedeschi non si smentiscono mai… Poi con gli italiani...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi