L'inchiesta sul petrolio inguaia il vicepresidente di Confindustria Lobello: associazione a delinquere

. Cronaca

Era nell'aria ma oggi è arrivata la conferma: l'inchiesta sul petrolio in Basilicata - che ha già fatto dimettere la ministra dello Sviluppo economico Federica Guidi - arriva fino ai piani alti di Confindustria inguaiando il vicepresidente Ivan (Ivanhoe) Lobello, 53 anni, indagato dalla procura di Potenza per associazione a delinquere. Il nome di Lobello - imprenditore e banchiere, già presidente del Banco di Sicilia - era uscito sui media nei giorni scorsi, accostato a quello di Gianluca Gemelli, il compagno dell'ormai ex-ministra, per una vicenda legata all'acquisizione di un pontile nel porto di Augusta, in Sicilia. E proprio per assicurarsi il controllo di quel pontile, dicono gli atti dell'inchiesta in corso, Lobello con Nicola Colicchi, Paolo Quinto e Gemelli costituì un'associazione a delinquere, una sorta di clan - tra le cui 'vittime' i pm di Potenza mettono anche la Guidi - all'interno del quale i quattro protagonisti - ora tutti indagati - si dividevano i ruoli di "partecipanti" (come Lobello e Quinto, capo della segreteria della senatrice Pd Anna Finocchiaro) e di "promotori e organizzatori" come Colicchi e Gemelli. Le contestazioni all'associazione riguardano, oltre al pontile nel porto di Augusta, altri progetti di impianti energetici e permessi di ricerca e i "Sistemi di difesa e sicurezza del territorio" da attuare in Campania. L'organizzazione viene definita "rudimentale" dai pm, secondo i quali però "il gruppo di indagati ha mostrato di essere permanentemente impegnato in attività che, seppure connotate da finalità lecite, vengono perseguite attraverso condotte illecite, quali il traffico di influenze illecite e l'abuso d'ufficio". Quinto e Colicchi (componente dell'esecutivo nazionale della Compagnia delle Opere), sempre secondo i pm, interpretavano il ruolo di cerniera col mondo politico, per le loro conoscenze, le loro entrature politico-istituzionali e la loro lunga militanza politica.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi