Il ginecologo Severino Antinori arrestato per 'furto' di ovuli ai danni di una giovane spagnola

. Cronaca

Il ginecologo Severino Antinori, 71 anni, pioniere spesso contestato della fecondazione assistita, è stato arrestato, oggi a Roma dai carabinieri del Nas di Milano. Ora è a domiciliari, l'accusa è di aver prelevato ovuli ad una ragazza spagnola d 24 anni, in cura per una cisti ovarica presso la clinica Matris di Milano, senza il suo consenso, anzi - come avrebbe raccontato la ragazza ai carabinieri e poi agli inquirenti - con la forza. Il ginecologo è indagato per i reati di rapina aggravata e lesioni personali aggravate. Il provvedimento è stato emesso dal gip del Tribunale di Milano su richiesta della Procura della Repubblica che ha disposto anche l'interdizione dall'esercizio della professione medica del ginecologo per la durata di un anno e il sequestro preventivo della clinica Matris di Milano dove sarebbe avvenuto l'espianto. A due strette collaboratrici di Antinori, per gli stessi reati, è stato imposto il divieto di dimora nei comuni di Milano e Roma. La ragazza ha riferito di essere stata immobilizzata, anestetizzata e costretta a subire un'asportazione di ovuli, nonché privata del proprio telefono cellulare, per impedirle di chiedere aiuto. La donna, al risveglio dall'anestesia, approfittando di un momento di disattenzione del personale infermieristico, era riuscita a raggiungere un telefono della clinica ed a chiamare il 112. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi