Furie rosse dominate, Italia 2 Spagna niente. Ora la Germania con il sogno finale

. Cronaca

Capolavoro di Conte. L'Italia domina la Spagna vendicando la sconfitta in finale del 2012. Sabato c'e' la Germania ai quarti e cresce il sogno di arrivare in finale. Con in mezzo la Francia. Ma per gli azzurri visti oggi nulla e' impossibile. Le furie rosse sembravano poco furie, i soliti tocchetti, poca profondità, gioco prevedibile. Invece Gli azzurri erano loro la furia: sempre primi sulla palla, raddoppi, a volte triplicazioni sull'uomo. Sempre alla ricerca della profondità. Una lezione di bel calcio, non solo difensivo. Nel primo quarto d'ora  la Spagna non ci ha capito niente, i gol potevano essere almeno due. Ma il vero peccato della Spagna e' stato di presunzione. Pensavano di potere vincere comunque. E l'Italia li ha bastonati, con  un capolavoro di Chiellini che ha ripreso una respinta su una punizione di Eder. Poi Pelle', un grande giocatore, nel finale ha messo il suggello del due a zero. Ma sono stati tutti bravissimi. Da Parolo a Giaccherini, due leoni a centrocampo, a De Rossi un vero mastino, per finire con l'incredibile Hulk, quel Buffon che a pochi minuti dalla fine ancora sull'uno a zero ha salvato il risultato. Ma il migliore e' stato Conte, incredibile organizzatore degli schemi. E che esultanza alla fine! Aggrappato alla traversa della panchina. Una gioia incontenibile e non solo per lui...

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi