Strage di Dacca, l'omaggio di Mattarella alle nove vittime italiane

. Cronaca

Le bare con i corpi delle nove vittime italiane della strage terroristica di Dacca sono rientrate stasera alle 19 a Roma, all'aeroporto di Ciampino, a bordo di un Boeing 767 dell'Aeronautica militare. Ad accoglierle i familiari e il presidente della Repubblica Sergio Mattarella rientrato anticipatamente dalla visita di stato in Messico. Con lui il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. Momenti di intensa, grande commozione quando le bare avvolte nel tricolore sono state trasferite dall'aereo ai carri funebri schierati sulla pista e i familiari delle nove vittime del fanatismo jihadista si sono avvicinati per sfiorarle piangendo. Composto e discreto l'omaggio ai feretri del capo dello stato che ha chinato la testa in segno di omaggio a nome di tutto il popolo italiano e poi si è spostato in disparte, lì vicino, immobile, per non togliere spazio al dolore dei parenti. Le salme sono state poi trasferite al Policlinico Gemelli dove verrà effettuata l'autopsia. Da Dacca, sul fronte delle indagini, si è appreso che sono stati arrestati il padre e il fratello di uno dei giovani terroristi. La polizia poi ha ammesso di aver ucciso per errore durante il blitz uno degli ostaggi.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi