Hanno voluto "sgozzare" Dio? La profezia di Papa Ratzinger nel 2006 "Islam usa la spada"

. Cronaca

Era il 2006 quando Benedetto XVI, nel suo celebre discorso all'Università di Ratisbona, affronto' il cruciale tema del rapporto tra islam e cristianesimo e della Jihad. Erano ancora lontani i tempi delle stragi di massa nell'Europa che cominciava ad aprire le sue porte a molti profughi. E non era mai successo che in una citta' europea fosse violata la casa di Dio tagliano la gola ad un suo ministro. Tanto che qualcuno nel mondo cattolico, ma anche in quello laico ha voluto urlare "Hanno voluto sgozzare Dio". Sul tema l'Occidente e' diviso così' come non tutti sono d'accordo neppure all'interno della Chiesa, per non parlare delle divisioni del mondo politico.  Citando un teologo Ratzinger disse che il problema nasceva da una concezione violenta della dottrina di Maometto, opposta alla tradizione "ragionevole" della religione cristiana. Un discorso che sa di profezia, quando ricordo' le parole di chi diceva che "l'Islam usa la spada". Si scateno' la polemica con molte critiche anche di politici italiani contro la massima autorità della Chiesa. Fu' anche accusato più o meno apertamente dalla stampa di islamofobia. In realta' il Papa citando un teologo e la sua analisi di un dialogo tra un dignitario persiano e un imperatore bizantino del XIII secolo, ricordo' come si parlo' della irrazionalità della guerra di religione propugnata da Maometto. Si apri' anche un dibattito sulla vera essenza del Corano, che ancora dura. Tra le frasi sotto accusa questa: "L'Occidente da molto tempo e' minacciato da questa avversione contro gli interrogativi fondamentali della sua religione". L'imperatore disse anche: "Maometto ha portato solo cose cattive, come la sua direttiva di diffondere per mezzo della spada la fede". Infine mentre per i cristiani "agire contro il volere di Dio e' contro la ragione, la volontà di Allah va ben oltre ogni categoria di ragionevolezza".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi