Nuova scossa, paura a Macerata e Norcia. Pm e Gdf a caccia di pc e documenti

. Cronaca

Ad una settimana dal sisma che ha devastato il centro Italia e distrutto Amatrice provocando in totale 294 vittime tra Lazio e Marche un'altra forte scossa ha gettato nella paura alcune zone del Maceratese. Un terremoto di magnitudo 3.8 è stato infatti registrato nel primo pomeriggio, alle 13.26, nella provincia di Macerata gettando nel panico la popolazione di quelle zone, soprattutto nel capoluogo e a Norcia. Intanto, mentre ad Amatrice è stato estratto dalle macerie il corpo  dell'ultima vittima ufficiale del crollo dell'Hotel Roma, la magistratura sta procedendo speditamente per accertare le eventuali responsabilità di amministratori locali, provinciali e regionali e di responsabili delle ditte che hanno eseguito lavori edilizi negli ultimi anni. La Guardia di finanza sta effettuando una serie di acquisizioni di documenti in diversi enti pubblici e nelle sedi delle ditte che hanno effettuato i lavori di ristrutturazione della scuola di Amatrice, crollata su se stessa come un castello di carte pur avendo ricevuto il certificato di sicurezza antisismica. Gli uomini del Nucleo anticorruzione e dei Nuclei di polizia tributaria delle Fiamme gialle stanno operando a Rieti, Torino e Bari presso le sedi della Regione, della Provincia e del Genio civile oltre che nelle sedi delle ditte. Da parte sua la procura di Rieti ha disposto il sequestro del server del Comune di Amatrice e di tutta la documentazione relativa al rilascio dei certificati sul rischio sismico. Saranno i vigili del fuoco a provvedere, se possibile, all'acquisizione perchè anche il palazzo del comune è crollato il 24 agosto e pc e carte dovranno essere individuati e portati alla luce da una montagna di macerie.  

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi