Grillo, espellere subito tutti gli irregolari come ha fatto il "tanto osannato" Obama

. Cronaca

Espellere rapidamente tutti gli immigrati irregolari, accogliere solo chi ha diritto d'asilo e integrare seriamente gli immigrati regolari. Beppe Grillo prende posizione così' con un post pubblicato sul suo blog sulla questione immigrazione dopo gli incidenti nei centri di accoglienza come quello di Cona. Il M5S fa l'esempio di Obama, il presidente uscente Usa, "Nobel per la pace, tanto osannato dai 'democratici' di casa nostra", che nell'arco del suo doppio mandato ha espulso dagli Stati Uniti 2,5 milioni di immigrati irregolari ad una media di 300-400 mila ogni anno. Bisognerebbe seguire il suo esempio, dice Grillo bocciando la politica del neo-ministro degli Interni Minniti su un centro CIE in ogni regione. "Aprire un CIE per regione, come propone il Ministro Minniti, rallenterebbe solo le espulsioni degli immigrati irregolari - è scritto nel post - e non farebbe altro che alimentare sprechi, illegalità e mafie con pesanti multe (pagate dai cittadini italiani) per la violazione di sentenze della Corte di Giustizia Europa e della Corte Costituzionale in materia di diritti umani. È necessario identificare chi arriva in Italia, scovare i falsi profughi, espellere rapidamente gli immigrati irregolari nel giro di qualche giorno, senza parcheggiarli in inutili CIE spesso gestiti dalle mafie, accogliere chi ha diritto d’asilo ed integrare seriamente gli immigrati regolari". "Sono cose che il M5S afferma con buonsenso da anni. Per far questo - conclude il post - serve prima di tutto un governo credibile e in grado di farsi rispettare dai partner internazionali. Condizione necessaria affinchè si stipulino tutti quegli accordi bilaterali che ci permetterebbero di espellere gli immigrati irregolari che, come certificato dalla stessa UE, sono l’80% di chi è giunto in Italia negli ultimi anni. In assenza di questi accordi però, l’Italia ne può espellere solo poche migliaia degli oltre 75.000 che risiedono sul nostro territorio".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi