La "nuova ricetta" di Papa Francesco, per "vivere in pace serve un sano menefreghismo"

. Cronaca

Papa Francesco continua a stupire. "No, non prendo pastiglie tranquillanti! Gli italiani danno un bel consiglio, per vivere in pace ci vuole un sano menefreghismo. A Buenos Aires ero più ansioso, lo ammetto". Le sue parole sono state affidate al Corriere della Sera, che lo ha intervistato Il Papa fa un'ammissione, "C'e' corruzione in Vaticano" . Poi aggiunge "Ma io sono in pace". Ed ha anche trovato un rimedio "Se c'e'un problema io  scrivo un biglietto a San Giuseppe (poi perché non a San Francesco, non lo ha spiegato) e lo metto sotto la statuetta che ho in camera mia". Insomma il Papa non lo dice, ma appare un po' sconsolato, io faccio, faccio, ma poi… Più di così non posso proprio fare, la mia anima e' serena. E sugli abusi sessuali? Per il Pontefice sono un "malattia". "Se sono coinvolti religiosi e' chiaro che e' in azione la presenza del diavolo che rovina l'opera di Gesù tramite colui che doveva annunciare la sua opera. Ma parliamoci chiaro, questa e' una malattia. Se non siamo convinti che questa e' una malattia, non si potrà risolvere bene il problema". Una piccola contraddizione forse c'e', perché  se gli abusi sono una malattia, sono un fatto umano e non l'opera del diavolo, cioè comunque del soprannaturale. Poi indica quella che e' la strada: "La Chiesa e' nata in uscita. Era chiusa dentro il Cenacolo e poi e' uscita. E deve rimanere in uscita. Non deve tornare a chiudersi nel Cenacolo. Gesù ha voluto che fosse così ".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi