"Paura concerto" anche in Italia dopo Manchester, senza dimenticare gli stadi

. Cronaca

"La paura concerto" cresce anche in Italia dopo la strage di Manchester. Al ministero dell'Interno si e' riunito il comitato Antiterrorismo. Il presidente Mattarella ed il premier Gentiloni seguono personalmente tutte le misure valutate per rafforzare la sicurezza in vista della stagione dei concerti, da Vasco agli U2. Il governo sta pensando anche ad ulteriori controlli in vista della riapertura del campionato di calcio. Il problema e'che per efficaci controlli a tappeto servirebbero più uomini e più mezzi. I grandi raduni di persone rappresentano sempre di più un grave pericolo. Bastano cellule di terroristi con strutture molto snelle, difficili da individuare, per seminare morte e panico. C'e' anche un senso, se non proprio di sbandamento, di preoccupazione certamente tra le forze dell'ordine che vedono la difficoltà di difendere la vita dei cittadini ed anche le loro stesse. Non vorrebbero essere mandati allo sbaraglio come successo in altri paesi europei.Il Bataclan e l'Arena di Manchester dovrebbero insegnare qualcosa.  

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi