Un'altra tegola su Roma, è maxi-emergenza per la Chikungunya, stop alle donazioni di sangue

. Cronaca

Un'altra tegola su Roma: è maxi-emergenza per la Chikungunya, il virus influenzale provocato dalla puntura della zanzara tigre  che provoca febbre alta e dolori alle ossa anche forti. Una situazione preoccupate che ha indotto l'Istituto Superiore di Sanità a ordinare lo stop alle donazioni di sangue nella zona est e sud di Roma (Asl 2, un milione di persone) e ad Anzio per il rischio di trasfusioni con sangue infetto e il ministro della Salute Beatrice Lorenzin a sollecitare con urgenza la sindaca Raggi a provvedere alle disinfestazioni necessarie. Nel Lazio sono finora 17 i casi accertati di Chikungunya dal Servizio Regionale di Sorveglianza Malattie Infettive (Seresmi), di questi 6 nella Capitale. Dei 17 casi dieci sono residenti o hann soggiornato nel Comune di Anzio, dove  stato individuato un focolaio, e sette casi non risultano aver viaggiato in Italia o all'estero nei 15 giorni precedenti l'esordio dei sintomi. In tutte le altre aree della Regione, in base al minor rischio di infezione, al sangue raccolto verrà applicata una 'quarantena' di 5 giorni se il donatore ha soggiornato in una delle due città colpite. A livello nazionale i donatori che hanno soggiornato nei comuni interessati saranno invece sospesi per 28 giorni. Secondo le autorità sanitarie sono state attivate tutte le misure possibili per evitare eventuali carenze a Roma "a partire dalla mobilitazione delle scorte accantonate per le maxi-emergenze". Il piano per le maxi-emergenze approvato lo scorso anno prevede che ogni regione abbia una scorta di sangue dedicata, da utilizzare in caso di eventi come terremoti o incidenti con molti feriti. ''Siamo molto preoccupati per la situazione Chikungunya, il Comune di Roma proceda subito alle disinfestazioni. E' passato troppo tempo dalla prima richiesta di intervento da parte della Asl che risale al 7 settembre'' ha detto il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. Subito dopo la sindaca ha firmato l'ordinanza "per contrastare l'emergenza sanitaria dovuta ai casi sospetti e accertati di Chikungunya trasmessi dalla zanzara tigre, non solo su suolo pubblico ma anche su quello privato.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi