Diciotti, qualcosa si muove: 16 sbarcati (due per sospetta Tbc)

. Cronaca

Resta altissima la tensione tra il governo italiano e l'Europa sui migranti imbarcati e ancora bloccati sulla Diciotti.  Ma qualcosa si muove: 16 migranti, 11 donne e 5 uomini, sono stati fatti sbarcare oggi per motivi sanitari (due per sospetta Tbc), una decisione presa dall'ufficio di sanità marittima di Catania al termine di un'ispezione sul pattugliatore della Guardia costiera. Non c'è stato bisogno del via libera dal Viminale e i 16 sono stati fatti scendere subito e affidati alle cure dei sanitari. Sulla Diciotti, dove nei giorni scorsi erano stati segnalati anche diversi casi di scabbia, sono rimaste complessivamente 124 persone tra eritrei, migranti delle Isole Comore, bengalesi, siriani, un egiziano ed un somalo. Mercoledì scorso erano già scesi dalla nave 27 minori non accompagnati. La novità però non sembra preludere ad una repentino cambio nell'atteggiamento del vice-premier e ministro dell'Interno Matteo Salvini che resta attestato sul 'no' allo sbarco degli altri migranti anche se fonti a lui vicine fanno trapelare che il titolare del Viminale è tranquillo - nonostante le denunce nei suoi confronti, "Ogni denuncia è una medaglia al valore" avrebbe detto -e non ha intenzionwe di abdicare dalla linea della fermezza. Salvini comunque starebbe lavorando con buone prospettive ad una soluzione positiva della vixcenda. Ed è quello che si augurano tutti, Colle compreso.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi