Campidoglio: indagato l'assessore Frongia, vicinissimo alla Raggi. Lui "Mai compiuto alcun reato"

. Cronaca

Non si placa la bufera giudiziaria sul Campidoglio targato Cinquestelle e trema Virginia Raggi. Dopo l'arresto per corruzione di Marcello De Vito, presidente dell'assemblea capitolina, un'altra tegola sull'amministrazione della capitale. Questa volta nel mirino c'è la Giunta: oggi si è appreso che l'assessore allo Sport del comune di Roma ed ex-vicesindaco Daniele Frongia, un fedelissimo della prima cittadina, è indagato dalla Procura di Roma sempre per corruzione nell'ambito del filone principale dell'inchiesta sul nuovo stadio della Roma a Tor di Valle, quella che ha portato in carcere nel giugno scorso l'ex-presidente di Acea Luca Lanzalone e l'imprenditore Luca Parnasi. Sarebbe stato proprio Parnasi a fare il nome di Frongia a proposito dell'assunzione di una persona segnalata dall'assessore in una società dell'imprenditore, assunzione che però non avvenne. "Mai compiuto alcun reato" il commento immediato di Frongia che, dice, confida in una "rapida archiviazione" del procedimento. In una nota l'assessore afferma: "Con il rispetto dovuto alla magistratura inquirente, avendo la certezza di non aver mai compiuto alcun reato e appurato che non ho mai ricevuto alcun avviso di garanzia, confido nell'imminente archiviazione del procedimento risalente al 2017". Frongia spiega di aver "appreso di essere coinvolto nell'indagine 'Rinascimento' del 2017, per la quale non ho mai ricevuto alcuna comunicazione, elezione di domicilio o avviso di garanzia". "A seguito di informazioni assunte presso la Procura -spiega Frongia - il procedimento a mio carico trarrebbe origine dall'interrogatorio di Parnasi del 20 settembre 2018, già uscito all'epoca sui giornali, in cui lo stesso sottolineava più volte di non aver mai chiesto né ottenuto favori dal sottoscritto".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna