Scoppia il bubbone Csm, interviene Mattarella "Ora si volta pagina"

. Cronaca

È scoppiato il bubbone del Csm, travolto dalla bufera dell'inchiesta dei pm di Perugia sulle segrete riunioni di membri togati e politici (tra cui l'ex-ministro Lotti, Pd) per pilotare le nomine nelle principali procure del paese. E' intervenuto Mattarella, presidente del Csm, che ha ritenuto ormai giunto il momento di "voltare pagina" e indetto per ottobre le elezioni suppletive per due dei membri togati del Consiglio dimessisi perchè indagati dai pm di Perugia. In alcune conversazioni intercettate dagli investigatori grazie al trojan piazzato nel cellulare di Luca Palamara, ex-presidente dell'Anm, il Colle è stato sfiorato con la chiamata in causa - da parte di alcuni dei partecipanti alle conventicole, in particolare Lotti - del consigliere giuridico di Mattarella che avrebbe addirittura avvertito Lotti che Palamara aveva il cellulare intercettato. Immediata smentita del consigliere del Quirinale con conseguente minaccia di querele. Stesso atteggiamento verso le anticipazioni dei giornali di Luca Lotti che ha parlato di "fango" gettato su di lui, ha stigmatizzato l'uscita di testi di intercettazioni che dovrebbero essere coperti dal segreto istruttorio, ha proclamatola sua estraneità all'ipotesi di nomine pilotate e ha minacciato querele. Ma Mattarella non poteva più aspettare e oggi ha fatto l'unica mossa possibile in attesa che cambi la legge sul metodo di elezione del Csm che, se sciolto come chiesto da più parti, verrebbe comunque rieletto col vecchio sistemi. Elezioni suppletive il 6 e 7 Ottobre 2019 dunque per la sostituzione di due componenti togati del Csm. Un segnale che si deve voltare pagina. Mattarella, spiegano dal Colle, ha scelto di indire le suppletive a ottobre perchè la richiesta di scioglimento anticipato del Csm contrasterebbe con la necessità di cambiare le procedure elettorali da più parti richieste. La sostituzione dei dimissionari è il primo passo perchè "si volti pagina" rispetto a quello che è successo nel Csm restituendo alla magistratura indipendenza e prestigio. Prestigio - è il giudizio di Mattarella - che le ultime vicende hanno "incrinato" tra i cittadini. (foto: Mattarella con Ermini, da sito Quirinale)
AGGIORNAMENTI E PER APPROFONDIRE:

- 'Toghegate', Csm sospende Palamara da funzioni e stipendio. Lo ha deciso la Sezione disciplinare, che ha accolto la richiesta del procuratore generale Riccardo Fuzio, anche lui coinvolto nello scandalo... http://www.in20righe.it/cronaca/9942-toghegate-csm-sospende-palamara-da-funzioni-e-stipendio

- Grande preoccupazione del Presidente della Repubblica per il caos giustizia, ma per Sergio Mattarella - che ha presieduto la riunione straordinaria del plenum del Consiglio superiore della Magistratura a Palazzo dei Marescialli - ci sono "gli anticorpi" per reagire... http://www.in20righe.it/cronaca/9905-caos-giustizia-mattarella-a-csm-si-volta-pagina

- Il cambio di rotta, dopo il caos nella giustizia italiana, comincia dall'Anm - l'Associazione nazionale magistrati, organismo rappresentativo della categoria cui aderisce circa il 90% dei magistrati italiani. Nuovo presidente è stato eletto Luca Poniz... http://www.in20righe.it/cronaca/9894-caos-giustizia-cambio-rotta-comincia-da-anm-poniz-nuovo-presidente


©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi