Batticuore Maturità. Tra le tracce Ungaretti, Sciascia e Gino Bartali

. Cronaca

Alle 8,30 con l'annuncio delle tracce per la prova d'italiano è partita l'avventura maturità per circa 500 mila studenti. Dopo le ansie del 'tototemi' nella notte prima degli esami, la chiave per il plico telematico trasmessa dal ministero dell'Istruzione ha rivelato ai ragazzi nelle scuole di tutta Italia le tanto attese tracce, selezionate personalmente dal ministro dell'Istruzione, Marco Bussetti, espresso dalla Lega di Matteo Salvini. La prova di italiano della nuova maturità prevede due tracce di tipologia A (analisi del testo), tre tracce di tipologia B (testo argomentativo) e due tracce di tipologia C (tema di attualità). Per l'analisi proposti per la poesia il brano "Risvegli" di Giuseppe Ungaretti (tratto dalla raccolta "Allegria, Il Porto sepolto") e per la prosa Leonardo Sciascia, con un brano tratto dal romanzo "Il giorno della civetta". Per il testo argomentativo l'importanza del patrimonio culturale, partendo da un libro di Tomaso Montanari ("Istruzioni per l'uso del futuro. Il Patrimonio culturale e la democrazia che verrà"); la seconda traccia partiva dal libro "L'illusione della conoscenza" degli scienziati cognitivi Steven Sloman e Philip, che indaga sulla mente umana; la terza l'eredità del Novecento, a partire da un brano tratto dalla raccolta di saggi "La cultura italiana del Novecento" di Corrado Stajano. Per l'attualità l'importanza degli uomini di Stato per la storia del nostro Paese, dal discorso pronunciato dal prefetto Luigi Viana nel trentennale dell'omicidio del generale Dalla Chiesa e la seconda traccia sul posto dello sport nella società, partendo da un articolo del giornalista Cristiano Gatti che racconta le gesta del ciclista Gino Bartali. La scelta di Giuseppe Ungaretti era stata prevista 23% degli studenti intervistati su oltre 5000 dal sito Skuola.net, mentre un altro sito particolarmente seguito dai giovani impegnati negli esami di diploma, Studenti.it, rivela: "Questa particolare traccia avremmo dovuto prevederla: Bussetti, da quanto si è insediato come ministro, ribadisce periodicamente l'importanza dello sport, sia a scuola sia nella vita privata. Ecco perché la traccia sullo sport l'avevamo praticamente sotto gli occhi da mesi". Il tasso di ammissione all'esame ha fatto registrare un livello record del 96,3%, tra le novità più rilevanti l'assenza del tema storico e del saggio breve, oltre all'eliminazione della temutissima terza prova, il cosiddetto "quizzone" interdisciplinare. I commissari d'esame daranno maggior peso al credito scolastico maturato nel percorso degli anni di studio e non ci sarà più neppure la "tesina", particolarmente amata dagli studenti e considerata un'importante chiave di recupero all'orale.
(foto Bratislavska zupa)

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna