Confindustria, Boccia il "continuista" vince al fotofinish sul "progressista" Vacchi

. Economia

Sara' Vincenzo Boccia,52 anni, il nuovo presidente di Confindustria al posto di Giorgio Squinzi, arrivato a fine mandato dopo essere stato eletto il 22 maggio del 2012. Boccia ha superato di soli nove voti il rivale, Alberto Vacchi, bolognese. Su 198 aventi diritto al voto hanno votato in 192. A viale dell'Astronomia e' stata una battaglia dura, come nessuno si ricordava. Un risultato che e' la cartina di tornasole di due idee diverse del ruolo che Confindustria e' chiamata a svolgere al suo interno e fuori dopo una stagione vissuta in penombra. Al centro ovviamente i rapporti con il governo e con il premier Matteo Renzi ed anche con i sindacati. Boccia amico di Renzi e di Berlusconi rappresenta la linea della continuità anche se le sue prime parole sono state "Continuita' e cambiamento". Vacchi era invece considerato il progressista con la sua voglia di incentivare gli investimenti esteri ed era ben visto dalla sinistra ed in particolare da Romano Prodi, bolognese come lui. La Marcegaglia e' radiosa per la nomina mentre per Montezemolo si e' persa un'occasione. Anche in questo contrastante parere si avverte tutto il travaglio vissuto dal mondo imprenditoriale italiano,

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi