Il rischio Brexit affonda i mercati: è corsa ai beni rifugio. Milano -3%

. Economia

Il rischio Brexit a dieci giorni dal referendum in Gran Bretagna affonda i mercati. Le Borse che non si sono discostate dall'andamento di venerdì scorso: giù prima le asiatiche che hanno registrato il peggior andamento degli ultimi due mesi e poi quelle europee, con Milano maglia nera (-2,91%) in una giornata a piazza Affari caratterizzata da una raffica di sospensioni sui bancari (Mps e Banco Popolare a -10% i titoli più venduti) e con lo spread salito a 142 punti. La preoccupazione per l'esito della consultazione sulla permanenza o meno della Gran Bretagna nell'Unione europea - i sondaggi danno perfetta parità tra 'Brexit' e 'Bremain', ma gli indecisi sono tanti - ha spinto gli investitori a vendere e a correre verso i beni rifugio tradizionali come l'oro, salito a 1.250 dollari l'oncia, e i titoli di stato dei paesi forti. Continua a rimetterci la sterlina, che in caso di Brexit potrebbe scendere ai minimi da trent'anni. Ma se Milano piange le altre Borse europee non ridono: Francoforte ha ceduto l'1,8% e Parigi l'1,85%. Londra ha tenuto meglio (-1,16%). Wall Street ha aperto poco sotto la parità. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA

 




 perm titoli di stato deipaesi fortisterlina in ribasso e corsa verso i beni rifugio quali lo yen, l'oro e i titoli di Stato dei Paesi forti. I listini europei trattano in rosso in scia a quanto accaduto in Asia, dove il paniere che riassume l'andamento dell'area ha registrato il peggior andamento degli ultimi due mesi. Nel pomeriggio continuano le sospensioni sulla Borsa Italiana: Mps e Banco Popolare sono alcuni dei titoli più venduti, mentre gli investitori guardano a Rcs con l'avvio dell'offerta di CairoMilano chiude sui minimi perdendo il 2,91%;Francoforte cede l'1,8%, Parigi l'1,85% e Londra tiene meglio a -1,16%. Wall Street, reduce da una settimana poco sotto la pari, tratta debole: quando l'Europa chiude, il Dow Jones cede lo 0,3%, lo S&p500 lo 0,2%, mentre il Nasdaq lima lo 0,5%.

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi