Renzi rilancia il Ponte sullo Stretto: "Può creare 100.000 posti di lavoro. Noi pronti a sbloccare"

. Economia

Rieccolo. Torna nell'agenda di governo il Ponte sullo Stretto, sia pure condizionato dalla capacità delle imprese di sbloccare i problemi che insieme a mille polemiche ha incontrato da sempre questa grande e contrastata opera, problemi legati anche ai permessi e alla burocrazia: "Se siete pronti noi ci siamo". L'idea, anzi la "sfida in positivo" - ai suo tempi affrontata e persa da Berlusconi -  l'ha rilanciata oggi Matteo Renzi parlando all'assemblea della Salini-Impregilo, a Milano, per i 110 anni della mega-impresa di costruzioni e logistica quando ha spiegato l'intenzione del suo governo di "completare la Napoli-Palermo" ("Quella che Delrio chiama così per non dire Ponte sullo Stretto..."). Un rilancio delle grandi opere, quindi, quello effettuato dal premier che a proposito del Ponte sullo Stretto di Messina ha sostenuto la necessità di "togliere a Calabria dall'isolamento" e "far sì che la Sicilia sia più vicina". Il Ponte - ha aggiunto - "può creare 100.00 posti di lavoro". "Se siete nella condizione di sbloccare le carte e di sistemare quello che è fermo da 10 anni - ha detto rivolgendosi a Pietro Salini, numero uno del Gruppo - noi ci siamo". "Quello che chiedo a voi è che, finita la parte delle riforme, si possa tornare a progettare il futuro" è stato l'appello di Renzi. "Bisogna sbloccare i cantieri e serve la banda larga perché la rete di domani non sarà una diga in Italia né l'autostrada del Sole, ma la banda larga, la gigabyte society, la velocità". "Bisogna poi continuare le grandi opere - ha insistito - dalla Bari-Lecce alla Napoli-Palermo, con il Ponte sullo Stretto, in un'operazione che sia utile, crei posti di lavoro e ci metta nelle condizioni di togliere l'isolamento della Calabria e avere la Sicilia più vicina". Infine la conferma di un impegno che riguarda la Salerno-Reggio Calabria che "il 22 dicembre sarà percorribile senza alcun cantiere". Lo ha ribadito il premier.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi