Conte, il primo incontro con i truffati dalle banche

. Economia

Primo tuffo nel sociale per il presidente incaricato, Giuseppe Conte, entrato nel vivo di una delle situazioni mediaticamente più calde a cui intende far fronte il contratto di governo M5S-Lega: il futuro dei cosiddetti 'risparmiatori truffati'. I casi umani delle persone che avevano messo il loro denaro, sulla base di consigli quanto meno poco ponderati, su prodotti finanziari ad alto rischio proposti da istituti di credito finiti poi nel vortice del fallimento, sono stati piombo nelle ali il 4 marzo per il governo del Pd, per Matteo Renzi e per Maria Elena Boschi. Dopo le consultazioni con i rappresentanti delle forze politiche in Parlamento - racconta Conte su Facebook - "ho incontrato una delegazione di risparmiatori che hanno sofferto per i default di alcune banche. Queste persone, come tante altre, devono essere ascoltate dalle istituzioni. Sono persone che chiedono giustizia e che il loro risparmio venga tutelato come previsto dalla Costituzione". La pasionaria dei risparmiatori di banca Etruria, Letizia Giorgianni, non nasconde il suo entusiasmo: "Oggi è una giornata molto importante. A due anni dalla nostra battaglia, il nuovo presidente del Consiglio, a neppure un giorno dall’insediamento, ha voluto ricevere i rappresentanti dei risparmiatori azzerati, esprimendo forte sensibilità sull’argomento". Ed era stata la stessa Giorgianni l'8 maggio scorso, mentre si prolungava il tira e molla sul programma di governo, ad ammonire pentastellati e leghisti e a esprimere dubbi su un eventuale premier 'tecnico' a Palazzo Chigi: "Sembra proprio che non ci sia, in questa delicata fase, la piena consapevolezza della portata della posta in gioco. Sono prevalsi fino adesso i tatticismi e gli interessi di parte. Ma mentre ci accingiamo a subire un altro governo tecnico, i problemi del nostro paese rimangono, anzi peggiorano sempre di più. Abbiamo unito le nostre forze a quelle dei risparmiatori veneti per chiedere urgenti misure per risolvere una volta per tutte il problema 'risparmio tradito'". Un richiamo a cui il premier in pectore e "avvocato degli italiani" non ha voluto sottrarsi: "Ho detto loro - informa direttamente lo stesso Conte - che la tutela dei risparmi, spesso frutto di sacrifici e una vita di lavoro, sarà uno degli impegni principali del 'governo del cambiamento'. Chi ha subito truffe o raggiri sarà risarcito".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi