Per i belgi Salah non era pericoloso, braccato anche dall'Isis. Captagon "droga degli jihadisti"

. Esteri

La polizia belga aveva interrogato i due fratelli, Brahim e Salah Abdeslam prima degli attacchi di Parigi ma non risultarono "elementi di pericolosità". Sapevano che eranno radicalizzati e che volevano andare in Siria ma non mostravano segni di una possibile minaccia. Salah, era comunque noto agli inquirenti per reati comuni e traffico di droga ed associato per una rapina con Abdelhamid Abaaaoud,sospettato di essere la "mente" degli attentati nonché il collegamento con i terroristi di Raqqa. Forse abbastanza per tenerlo dentro o cacciarlo via. Ora la domanda che si fanno gli inquirenti e' come mai Salah sia ancora vivo. Perché non si e' fatto saltare anche lui, dopo che aveva lasciato molte tracce, come la prenotazione dell'albergo. Forse ha avuto paura all'ultimo momento ? E' anche possibile che i due fratelli abbiano avuto una lite, risoltasi con la scelta di Ibrahim del "martirio" e con la decisione di Salh di salvare la pelle. Sia come sia, Salah e'ormai "bruciato" e all'Isis può causare solo danni nel caso fosse catturato e decidesse di collaborare. E potrebbe in questo caso anche godere di benefici sempre che fosse disposto a parlare. Quindi il fuggitivo e' braccato oltre che dalla polizia anche dai suoi compagni, che tra l'altro vogliono fargli pagare una sorta di tradimento, quando e' scappato. Per questo un altro fratello lo invita a costituirsi. Intanto gli investigatori stanno scoprendo qualcosa, i terroristi non erano solo otto o nove, ma molti di più. Una ventina o poco meno. Una cellula molto organizzata ed in contatto con altre cellule di fiancheggiatori. La base logistica dell'operazione non era in Belgio ma nel cuore di Parigi. Da Bruxelles sono arrivati alcuni dei componenti del gruppo di fuoco. Insomma non una piccola cellula impazzita ma un agglomerato fatto di gente pronta ad uccidere uccidendosi e di fiancheggiatori. Con denaro ed armi a disposizione. Come anche la droga. Una pasticca per togliere la paura. Si chiama Captagon e costa dai 5 ai 20 dollari a dose. Viene chiamata la "droga della jihad". E'un mix di anfetamine e caffeina che inibisce totalmente la paura ed il dolore, provocando una forte euforia. Il preparato fu sintetizzato negli anni 60 e serviva come psicofarmaco, prima di essere proibito negli anni 80. Poi fu usato nei droga party "borghesi" nei paesi del Golfo. Ora e' ha trovato la sua patria in Siria. Un mese fa sono state sequestrate due tonnellate di Captagon a Beirut, nascoste nell'aereo privato di un principe saudita. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi