La strage di San Bernardino, uccisi i due killer. Primo attentato jihadista negli Usa?

. Esteri

Anche se ufficialmente il movente non è stato ancora individuato, si parla genericamente di "terrorismo interno", la strage di San Bernardino - 14 persone sono rimaste uccise e 17 ferite - potrebbe rivelarsi come il primo attentato jihadista negli Stati Uniti. La cautela dell'FBI è finalizzata a non allarmare ulteriormente la popolazione choccata dopo questa nuova incomprensibile mattanza ma uno dei killer, poi ucciso, era musulmano e "molto religioso" ed era stato in Arabia Saudita un anno fa. Senza contare poi le tute mimetiche, i giubbotti antiproiettile, i kalashnikov e gli esplosivi usati dai due assassini: modalità, abbigliamento e armi tipiche di ultimi attacchi jihadisti in Europa e in Tunisia. La strage è avvenuta in un centro per disabili di San Bernardino, Usa. Alle 11 ora locale (le 20 italiane) due persone armate con fucili AK-47, giubotti anti-proiettile, con i volti coperti da passamontagna e in tuta mimetica militare, sono entrate aprendo il fuoco al blocco1300 di Waterman Avenue, vicino Orange Show Road, in un centro di servizi sociali di San Bernardino, cittadina di 200 mila abitanti a circa 100 chilometri a est di Los Angeles. Nell'Inland Regional Center lavorano 670 persone. Si occupano di persone con disabilità. I killer hanno aperto il fuoco nella sala in cui si stava svolgendo la festa di Natale dei dipendenti. Dopo un inseguimento in diretta tv, i due presunti killer sono stati uccisi e un presunto complice, il fratello di Farook, è stato arrestato. Il commando era composto da un uomo e una donna: Syed Farook, cittadino americano di 28 anni, musulmano, e la ventisettenne Tashfeen Malik. I due erano sposati e avevano una bambina di sei mesi che ieri mattina avevano lasciato alla nonna. Fuggiti a bordo di un suv, sono stati uccisi a due chilometri dal luogo della strage dopo un inseguimento in uno scontro a fuoco con la polizia. Dal suv, hanno lanciato "pipe bomb", ordigni rudimentali, verso gli agenti di polizia.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi