Mosul, la diga che dobbiamo difendere rischia di cedere. L'allarme degli Usa "Se crolla mezzo milione di morti"

. Esteri

La diga di Mosul sul fiume Tigri in Iraq, che l'Italia dovrebbe ristrutturare con un gruppo privato (la Trevi di Cesena ha vinto un appalto da un miliardo di dollari) e difendere con 450 soldati, è a rischio cedimento. Se ciò avvenisse si verificherebbe una catastrofe "mille volte peggio di Katrina, con mezzo milione di morti". L'allarme è stato lanciato congiuntamente dall'ambasciata americana a Baghdad e dal governo iracheno. Una simulazione gli ingegneri dell'esercito americano ha prospettato uno scenario tragico: il rischio di un cedimento della diga viene considerato serio e senza precedenti e un crollo metterebbe in pericolo di vita quasi 1,5 milioni di iracheni. Fino ad oggi la diga (nel mirino dell'Isis e già caduta una volta in mano agli uomini del Califfo), era stata ritenuta sicura anche se la sua manutenzione aveva risentito del clima di guerra. Se crollasse sarebbe una catastrofe mille volte peggio di Katrina, con almeno mezzo milione di morti. La diga è stata costruita su un letto di argilla e gesso e per questo è debole di suo. E’ stata tenuta in piedi con iniezioni di cemento continue, ma dal 2014 la manutenzione è avvenuta a singhiozzo per la presenza dell’Isis a pochi chilometri. Se dovesse crollare - dice la simulazione Usa - un’onda di oltre 20 metri di altezza travolgerebbe Mosul, l’onda arriverebbe poi a Tikrik alta ancora 15 metri, sfonderebbe la piccola diga di Samarra e travolgerebbe anche parte di Baghdad, con un’altezza di 4-5 metri. In tutto 450 chilometri di devastazione totale lungo il corso del Tigri. Il 2 febbraio il gruppo internazionale di costruzione 'Trevi', di Cesena, si è aggiudicato l’appalto per la ristrutturazione e la manutenzione della diga. Un contratto valutato un miliardo di dollari. Il 15 dicembre scorso il premier Matteo Renzi aveva annunciato le trattative in corso e l’invio di 450 soldati come scorta per i lavoratori italiani nel caso la ditta si fosse aggiudicata l’appalto.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi