Finita la fuga del super-ricercato Salah, il jihadista ferito e arrestato in un blitz a Molenbeek

. Esteri

La fuga durata quattro mesi è finita: Salah Abdeslam, il ricercato numero uno per le stragi di Parigi, è stato arrestato a Bruxelles nel corso di un'operazione anti-terrorismo a Molenbeek, il quartiere di immigrati della capitale belga dove sono cresciuti e da cui sono partiti quasi tutti gli autori degli attentati del 13 novembre nella capitale francese, tra cui la mattanza del Bataclan, attentati che l'Isis poi ha rivendicato. La notizia della cattura di Salah, ferito nel blitz, è stata data dai media belgi. Il terrorista sarebbe stato ferito a una gamba e catturato dopo essersi asserragliato insieme ad un'altra persona rimasta ferita nella sparatoria in un appartamento di Rue des Quatre vents, a Molenbeek. Il quartier è stato completamente isolato e si sono uditi colpi d'arma da fuoco ed esposioni di granate. La polizia belga ha effettuato oggi simultaneamente quattro perquisizioni nella capitale belga alla caccia dei fuggitivi della sparatoria avvenuta martedì scorso a Forest, in un covo all'interno del quale sono state trovate le impronte del super-ricercato che evidentemente, da quel tragico 13 novembre o dalle ore successive alle stragi parigine non si è mosso dal quartiere multietnico dove è cresciuto potendo godere di complicità e protezioni.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi