Inferno all'aeroporto di Istanbul, 7 kamikaze sparano sulla folla. 36 morti (per ora) e 147 feriti

. Esteri

Spari sulla folla ed esplosioni all'aeroporto Ataturk di Istanbul. Terroristi suicidi si sono fatti saltare in aria dopo avere aperto iil fuoco sui passeggeri nel terminal dei voli internazionali. Il commando sarebbe stato composto da 7 persone, individuate dalla polizia ad un valico d'ingresso. Il drammatico  tabellino dei numeri dei  morti e dei feriti e' purtroppo, come sempre accade in questi casi, destinato ad essere continuamente aggiornato.  Al momento i morti sono almeno 36 ed i feriti 147, ma c'e' anche chi parla di molti più morti. I voli sono stati cancellati e lo scalo evacuato. Il sospetto degli investigatori e' che ci sia l'Isis dietro questo nuovo attacco terroristico. Come a marzo a Bruxelles, e' il maggiore aeroporto della Turchia a finire sotto attacco. Anche sulla ricostruzione dei fatti gli aggiornamenti si susseguono. Sarebbero stati almeno tre terroristi, armati di kalashnikov, a cominciare a sparare raffiche di mitra contro la folla inerme intorno alle 22 ora locale, le 21,10 in Italia. Tra i primi messaggi quello di Renzi: "Siamo vicini alla Turchia" e di Hollande "Un atto abominevole". Poi si sarebbero fatti saltare in aria. Un altro terrorista sarebbe stato arrestato e tre sarebbero in fuga. Ma la versione definitiva e' ancora lontana, perché le notizie si susseguono e devono anche fare i conti con la censura turca.  Sul posto c'e' molto confusione con un continuo via vai di ambulanze e con feriti portati via anche con i taxi. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi