Il dietrofront dell'FBI, l'esultanza della Clinton (ora di nuovo in testa) e la rabbia di Trump. E da noi Renzi tifa Hillary

. Esteri

A poco più di 24 ore dal voto per la Casa Bianca Hillary Clinton ha ripreso slancio bloccando l'impetuosa rimonta di Donald Trump. Una mano all'ex-first lady - e ne aveva davvero bisogno - l'ha data l'annuncio del capo dell'FBI James Comey di aver chiuso l'indagine sulle mail della Clinton e di non aver riscontrato alcun illecito: nessuna incriminazione dunque e un pieno di benzina per la corsa dell'ex-segretario di stato che negli ultimi giorni si era vista appaiare e quasi superare dal miliardario repubblicano. Un Trump che dopo il colpo di scena del dietrofront del Bureau ha schiumato rabbia e invitato gli elettori americani "a fare giustizia", perchè - ha tuonato - "la Clinton è protetta e la campagna è truccata". Alla vigilia dell'election-day che deciderà il nome del nuovo inquilino della Casa Bianca - quello che raggiungerà il fatidico quorum di 270 grandi elettori - a conclusione di una campagna avvelenata che secondo tutti gli osservatori premierà non il migliore ma il 'meno peggio' tra i due candidati, anche Obama per l'ultima volta si è speso a favore della Clinton e contro Trump. Il presidente ha preso spunto dalla notizia del NYT secondo cui lo staff di Trump avrebbe tolto al candidato repubblicano la gestione del suo account twitter perchè usato in modo colorito e spesso controproducente: "Ora se qualcuno non sa gestire il suo account Twitter - ha ironizzato Obama - figuriamoci i codici nucleari...". In Italia, sul voto di domani, il pronostico e il tifo di Matteo Renzi per la Clinton: "Sono ore decisive per gli Stati Uniti e quindi per il mondo. Tra qualche ora sapremo il nome del 45° presidente americano ed è ovvio che questa scelta influenzerà moltissimo il mondo dei prossimi quattro anni. Noi... speriamo che sia femmina, come recitava il titolo di un vecchio film. Ma mentre cala il sipario credo sia giusto riconoscere a Barack Obama i meriti per questi otto anni" ha scritto il premier su Facebook.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi