Turchia sotto attacco, esplode autobomba a Smirne. Sono stati i curdi del Pkk morti 2 terroristi, un poliziotto e un dipendente del tribunale

. Esteri

Turchia sotto attacco dei terroristi di varia matrice. Questa volta e' toccato a Smirne, terza città della Turchia, sulla costa egea, finora risparmiata dagli attentati, che da un anno stano insanguinando il paese. L'attacco e' avvenuto davanti al palazzo di Giustizia, nel quartier di Bayrakli e più esattamente nel parcheggio riservato a giudici e procuratori. I terroristi, almeno tre, avevano un piccolo arsenale, 2 Kalashnikov e 8 bombe a mano. "A giudicare dalle armi che avevano, volevano fare una strage", spiega il vice premier turco Veysi Kaunak. "La Turchia e' sotto attacco contemporaneamente da parte di diversi gruppi terroristici e vogliono metterla in ginocchio. Ma non ci riusciranno", aggiunge. "Non ci sono riusciti e non riusciranno a distruggere la nostra unita'", ribadisce il presidente Erdogan. L'esplosione dell'autobomba e la successiva sparatoria sarebbero legate ad un'azione terroristica del Pkk curdo. Due dei terroristi sarebbero stati uccisi dalla polizia, mentre il terzo sarebbe in fuga. Ma sono morti anche un poliziotto ed un dipendente del tribunale. Le vittime in totale sarebbero quindi quattro. 11 i feriti.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi