Si rafforza la pista jihadista per l'attentato al pullman del Borussia: arrestato un iracheno

. Esteri

Si rafforza la pista islamico-jihadista - rispetto a quella che ipotizzava un'azione delle frange più estreme del tifo, di estrema destra o di estrema sinistra - per l'attentato al pullman del Borussia Dortmund colpito ieri sera da tre ordigni fatti esplodere a distanza mentre portava dall'albergo allo stadio la squadra di casa che doveva incontrare il Monaco per il quarto di finale di Champions League. Nell'attentato che ha sventrato una fiancata del bus è rimasto ferito ad una mano un giocatore, lo spagnolo Bartra, operato stamane, ma il bilancio avrebbe potuto essere più grave perchè gli ordigni erano stati riempiti con punte metalliche per provocare maggiori danni alle persone. Secondo il portavoce della procura di Dortmund Frauke Köhler ci sono due estremisti islamici tra i sospetti, uno dei quali è stato arrestato. L'uomo fermato è un venticinquenne iracheno di Wuppertal. Il secondo uomo nel mirino degli inquirenti è un ventottenne tedesco di Froendenberg, una città a una ventina di chilometri da Dortmund. Entrambi appartengono agli ambienti islamici del Nord-Reno-Vestfalia (la regione di Dortmund) e sono accusati di essere vicini allo Stato islamico.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi