Macron sceglie Philippe (centrodestra) come premier. Poi vola dalla Merkel. Mercoledì vede Gentiloni

. Esteri

Emmanuel Macron, il neo-presidente francese appena insediato all'Eliseo, ha scelto il nuovo premier: si tratta di Edouard Philippe, 46 anni, sindaco di Le Havre. Poco conosciuto a livello nazionale, un passato nel Partito socialista, ma poi eletto deputato nelle fila di Les Republicains (il partito di centrodestra), Philippe, è molto vicino al gollista moderato Alain Juppé, di cui è stato portavoce. Diplomato alla scuola dell'alta amministrazione Ena, come lo stesso Macron, Philippe ha cominciato a sinistra, nella scia di Michel Rocard, per poi approdare nella destra moderata. E' un uomo spiritoso, appassionato di boxe e del 'Padrino', parla perfettamente il tedesco, ha firmato un romanzo noir di fantapolitica. Dopo la nomina di Philippe, Macron è volato a Berlino per incontrare la Cancelliera Angela Merkel - rinfrancata dall'esito del voto in Nord Reno-Westfalia dove la sua Cdu ha stracciato la Spd di Schulz - e per dare plasticamente l'immagine di quell'asse franco-tedesco su cui intende fondare il rilancio dell'Europa. Mercoledì sera, dopo il primo consigio dei ministri del suo mandato, Macron vedrà a cena all'Eliseo il premier italiano Paolo Gentiloni.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi