Preti pedofili, papa Francesco "Mai la grazia". Gendarmeria sfratta (di giorno) i clochard da San Pietro

. Esteri

L'abuso sessuale sui minori è "un peccato orribile", ancora più orribile se commesso dai preti. E papa Francesco non concederà loro "mai" la grazia. E' stato duro ancora una volta il pontefice sui preti pedofili, un nuovo 'mea culpa' sul tema anche perchè - ha detto il papa - la Chiesa ha affrontato questo scandalo "in ritardo" e con lentezza. Parlando di fronte alla Commissione pontificia per la protezione dei minori Francesco ha usato parole forti: "Lo scandalo dell'abuso sessuale è una rovina terribile per tutta l'umanità, che colpisce tanti bambini, giovani e adulti vulnerabili in tutti i paesi e in tutte le società. Per la Chiesa è stata un'esperienza molto dolorosa. Sentiamo vergogna per gli abusi commessi da ministri consacrati, che dovrebbero essere i più degni di fiducia". "La Chiesa ha affrontato questi crimini in ritardo e anche un solo abuso basta per una condanna senza appello" ha aggiunto il papa. "Chi viene condannato per abusi sessuali sui minori può rivolgersi al Papa per avere la grazi ma io - ha scandito Francesco - mai ho firmato una di queste e mai la firmerò". Intanto la Gendarmeria pontificia, per motivi di decoro pubblico, ha deciso di far allontanare dall'area di San Pietro (ma solo di giorno) i clochard che vivono nella zona, clochard che avevano fatto del colonnato del Bernini la loro casa soprattutto da quando proprio papa Francesco vi aveva fatto installare bagni e docce. L'affluenza dei senza dimora è aumentata nel tempo, così come il degrado nell'intera zona, e oggi la decisione di allontanarli di giorno, consentendo però loro di dormire sotto il colonnato di notte. Ma non è solo per il decoro, anche per la sicurezza. Lo ha precisato il direttore della Sala stampa vaticana Greg Burke: "Sono state esclusivamente ragioni di sicurezza ad aver determinato l'allontanamento dei senza fissa dimora da alcune aree extraterritoriali nei pressi del Vaticano. I clochard possono tornare la sera a dormire sotto i propilei dell'ultimo tratto di via della Conciliazione e sotto il colonnato di piazza San Pietro per proteggersi dalla pioggia. Ma di giorno non possono più restare per ragioni di sicurezza: le loro borse e valigie non possono essere continuamente controllate e non sempre si riusciva poi a sapere di chi erano quando le lasciavano per andarsene in giro".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi