Trump tra le proteste arabe ed europee sposta l'ambasciata a Gerusalemme

. Esteri

Donald Trump, mantiene una promessa fatta in campagna elettorale, spostano l'ambiìasciata americana  a Gerusalemme, riconoscendola di fatto capitale di Israele. L'annuncio ufficiale a giorni, mentre fioccano le proteste da mezzo mondo. Cresce la tensione soprattutto in quello arabo. Con Hamas pronta a scatenerà una nuova intifada. Erdogan minaccia di rompere con Israele. Giro di elefante di Trump per comunicare la sua decisione. Primo ha raggiunto un euforico Benyamin Netanyahu poi re Abdul di Giordania e imprevidente dell'Autorità palestinese, Abu Mazen. Il re di Giordania ha detto che questa scelta avrà ripercussioni pericolose sulla stabilita'  e sullasicurezza del MedioOriente. Tra le proteste più accese figura quella del presidente francese Macron che sostiene che una decisione simile deve essere affrontata nel corso del processo di pace tra i due popoli.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA
Puoi leggerci da Smartphone e Tablet Pc direttamente su Google Play Edicola




Potrebbero interessarti:

Aggiungi commento

Tutti i lettori possono manifestare il proprio pensiero nelle varie sezioni del sito. Ferma restando la piena libertà di ognuno di esprimere il proprio parere su fatti che possano interessare la collettività o sugli argomenti specifici da noi proposti, i commenti che risulteranno essere in contrasto con i principi esposti nel Disclaimer non verranno pubblicati.



Aggiorna