Migranti, Danimarca e Austria vogliono realizzare un hotspot fuori dell'Ue

. Esteri

Un campo per i richiedenti asilo nei paesi europei, ma al di fuori dell'Unione europea. E' questa la proposta a cui lavorano Danimarca e Austria per affrontare in modo concreto la questione migranti. "Sono ottimista - ha detto il premier danese liberal-conservatore, Lars Lokke Rasmussen - e penso che saremo in grado di fare il primo passo già entro quest'anno". Rasmussen non ha fornito anticipazioni sulla localizzazione del nuovo hotspot, ma ha parlato di un luogo "non particolarmente attraente" per i trafficanti. Tra i paesi coinvolti nelle confronto ci sarebbero anche Germania, Olanda e soprattutto l'Austria, a cui nel prossimo semestre spetterà la presidenza del Consiglio Ue. Il cancelliere e leader del Partito popolare austriaco, Sebastian Kurz, alla guida di un governo che ha posto il tema migranti al centro della propria iniziativa, ha confermato l'esistenza del progetto: "Abbiamo acque agitate sulla ripartizione delle quote dei migranti, ma sulla garanzia delle frontiere esterne della Ue siamo tutti d'accordo. Dobbiamo dotare Frontex di un mandato politico più forte, garantendo che i flussi migratori verso l'Europa siano ridotti e mettendo fine alle morti nel Mediterraneo". Della questione, ha annunciato Kurz, si parlerà il prossimo 20 settembre al vertice informale dei capi di Stato e di governo a Salisburgo: "Ci concentreremo sulla protezione delle frontiere esterne. Credo abbia senso offrire protezione ai migranti al di fuori dell'Unione. I richiedenti asilo saranno protetti, ma non avranno come accade ora, la possibilità di scegliere il paese di loro preferenza. Secondo me, questo non era l'approccio giusto. Stiamo cercando di trovare una soluzione di buon senso". Di fronte all'iniziativa austro-danese il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, si è mostrato cauto, pur sostenendo di non essere per principio contrario: "E' una questione sulla quale non ci sono dogmi da seguire. Credo che la difesa contro l'immigrazione clandestina sia a un tempo un problema europeo e delle singole nazioni".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi