Aquarius, Conte prova a mediare ma anche a lui Malta risponde picche

. Esteri

Il premier Conte, appena rientrato dal G7 canadese, ha trovato un clima egualmente turbolento in casa. Non per il vertice con Salvini e Di Maio sulle nomine di sottosegretari e vice-ministri (una quarantina di caselle per completare la squadra di governo), dove pure non appare idilliaco il clima tra Lega e Cinquestelle, ma per il braccio di ferro, lo scontro con Malta ingaggiato dal ministro dell'Interno. Il nodo da sciogliere sulle pelle di centinaia di disperati fuggiti dalle coste libiche, tra cui bambini non accompagnati e donne incinte, è su chi deve accogliere i 629 migranti raccolti dalla nave Aquarius, della Ong Sos Mediterranee, che ora è in rotta verso Nord dopo aver sfiorato La Valletta pur sapendo che Salvini e il ministro delle Infrastrutture Toninelli, (M5s) cui compete la decisione, hanno attaccato Malta che è stata invitata ad accogliere i migranti e quindi a non voltarsi dall'altra parte come fa spesso. Di fronte all'indifferenza maltese Salvini ("Sui migranti l'Europa si fa i fatti suoi, ora anche l'Italia comincia a dire di no") ha annunciato apertamente la chiusura dei porti italiani per impedire l'attracco della nave sulle nostre coste. Conte ha provato anche a mediare per placare l'ira del ministro e vice-premier leghista: ha ricordato che al G7 si è battuto perchè la gestione dell'emergenza migranti nel Mediterraneo venisse affidata all'Unione europea per non lasciare l'Italia da sola ma è servito a poco. Allora ha preso il telefono e si è messo in contatto con il premier maltese Muscat, suo collega, reiterando l'appello ad accogliere la nave Aquarius con il suo carico di disperati. Niente da fare. Anche a Conte Malta ha risposto picche, rigettando sull'Italia l'onere dl salvataggio. "Malta non vuole aiutarci" sarebbe stato costretto a constatare il presidente del Consiglio alla fine della telefonata. E allora, perdurando lo scontro, una prima decisione, di carattere umanitario: l'invio di due motovedette della Marina militare con personale medico a bordo nella zona di mare dove naviga la Aquarius per prestare cure e soccorso ai migranti a bordo. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi