Pdl: Cosentino escluso si porta via le liste, vince Alfano

. Politica

Nel Pdl ha vinto Alfano, che sara' il nuovo leader del Pdl.  E' riuscito, nell'impresa quasi impossibile,  di mettere fuori lista gli indagati a partire dal potentissimo Cosentino, in Campania. E c'e' anche un giallo, l'ex sottosegretario si sarebbe portato via le liste con tanto di firme raccolte, tanto da far scattare una corsa contro il tempo per fare firmare nuovamente tutti i candidati. Ma dal Pdl smentiscono ed affermano che le liste le ha il commissario regionale Nitto Palma, che sta provvedendo al deposito. Anche Milanese (un alatro indagato) ha rinunciato, dopo Scajola. In lista ci saranno invece sia Augusto Minzolini, ex direttore del Tg1 in Liguria che Domenico Scilipoti, quello che stava con Di Pietro e che assomiglia tanto all'attore americano De Vito. Il Pdl ha deciso anche di presentare il segretario Angelino Alfano alla Camera. Ci sara' anche Roberto Formigoni. Berlusconi andra' incece al Senato. Quella delle liste e' stata una vittoria personale di Alfano, che e' riuscito ad imporre la sua volonta' (anche contro l'incerto Cavaliere, che aveva molti dubbii sull'esclusione soprattutto di Cosentino) dimostrando di contare nel partito e di averlo ormai in mano. Sara' lui il vero leader del nuovo centrodestra dopo le elezioni comunque vadano. E la sua prudenza ( quella che invece e' mancata a Gianfranco Fini. Se non avesse rotto con Berlusconi sarebbe, con ogni probabilita' lui al posto di Alfano) e' stata premiata, perche' nel piu' malaugarato scenario per il Pdl, sara' comunque lui a guidare il centrodestra, che rimarra' il principale schieramento di opposizione. E si sa come in politica le cose e le fortune fanno presto a girare, in particolare in tempi di crisi, dove chi governo raramente viene premiato.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi