L'ultima promessa del Cav: "Italiani, vi restituirò l'IMU!..". Coro di critiche

. Politica

L'ultima promessa di Berlusconi agli italiani, quella "choc" promessa da giorni, è la soppressione dell'IMU e la restituzione dell'imposta sulla prima casa pagata nel 2012, restituzione che - parola del Cavaliere - "potrà avvenire anche in contanti"... Ed è subito un coro di critiche: da Monti a Bersani, da Casini a Vendola, da Di Pietro a Grillo, a Ingroia. Per coprire l'operazione annunciata oggi in caso di vittoria elettorale (che secondo l'ex-premier è sempre più vicina), ha spiegato Berlusconi, sarà chiuso un accordo con la Svizzera per la tassazione delle attività finanziarie detenute in quel paese da cittadini italiani, che dovrebbe portare nelle casse dello stato 25 miliardi di euro una tantum e 5 miliardi l'anno. Quanto basta, sempre secondo il Cav, per abolire l'Imu sulla prima casa, restituire ai cittadini l'imposta del 2012 e dare anche una sforbiciata all'Irap che grava sulle imprese, un'altra imposta destinata a sparire nell'arco dei prossimi cinque anni. L'ex-premier non ha lesinato nelle promesse e i suoi avversari politici non si sono risparmiati nelle critiche, a cominciare da Mario Monti che è andato giù duro. "Il mio predecessore, noto per le facili promesse elettorali, ha appena annunciato l'intenzione di tagliare la spesa pubblica di 80 miliardi di euro nei prossimi 5 anni. Si tratta dello stesso incantatore di serpenti che ha aumentato la spesa di 154 miliardi" ha detto Monti dopo aver sfidato l'ex-premier in Tv per discutere delle proposte. Monti ha sottolineato come Berlusconi non abbia mai mantenuto le sue promesse e si è detto sicuro del fatto che gli italiani hanno "una buona memoria". Per Bersani la promessa di Berlusconi "è la solita demogogia, con coperture fantasiose, che strizza l'occhio all'evasione". Per Casini "dopo 20 anni di promesse Berlusconi non ha più alcuna credibilità". Vendola paragona il Cav a Wanna Marchi e al Mago Otelma. Berlusconi "non più credibile" anche per Beppe Grillo. Per Ingroia l'ex-premier "mente sapendo di mentire". Per Di Pietro la proposta di Berlusconi "è sciocca più che scioccante".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




 

Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi