Berlusconi, sorpasso. Bersani, non e' vero. Mannheimer, risultato non prevedibile

. Politica

Naturalmente ormai la domanda e' una sola, chi vincera'? Berlusconi, da abile giocatore annuncia: "sorpasso ottenuto". Secca la replica di Bersani: "non e' vero, vinceremo sia alla Camera che al Senato". I sondaggi sono vietati negli ultimi quindici giorni, ma oggi il maggiore sondaggista italiano, Renato Mannheimer, che scrive su Corriere spiega che c'e' : "il peso degli incerti", cioe' il 30% non ha ancora deciso, o dice di non avere ancora deciso (Questo e' un po' il timore della sinistra, perche' qualcuno potrebbe votare Berlusconi 'turandosi il naso', cosi' come avvenne per la Dc su indicazione del grande giornalista Indro Montanelli). Mannheimer conclude la sua luna disamina sul voto affermando: "Il risultato di domenica e' ancora difficilmente prevedibile". In realta' uno forbice a favore del centrosinistra permane, ma non e' abbastanza ampia per dare una sicurezza. Mentre al Senato, dato per scontato il Veneto al centrodestra e tutte le altre regioni al centrosistra, tutto dipendera' dalla Lombardia e dalla Sicilia. Anche li' forbice minima, ma con  leggero vantaggio per il centrodestra in Lombardia e per il centrosinistra in Sicilia. Non benissimo il professore, che dovra' comunque superare la soglia dell'8% per entrare in Senato ed esssere eventualmente determinante. Male Casini, malissimo Fini. Bene Grillo, anche senza sfondare e la Lega. Comunque il risultato al di la' della vittoria, sara' tutto da analizzare. Ma per prima cosa bisognera' vedere se Bersani avra' i numeri sia alla Camera che al Senato. Alla Camera almeno dovrebbe vincere, piu' aperta la situazione per palazzo Madama.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi