Napolitano rammaricato con Pdl "serve responsabilita'". E convoca il Csm

. Politica

Giorgio Napolitano ha ricevuto al Quirinale i vertici del Pdl, guidati da Alfano. La missione, quasi impossibile, del Pdl, e' quella di "salvare Silvio" , stretto n una girandola di sentenze, che potrebbero anche portare al suo arresto, tema che sta diventando centrale nel dibattito politico, per le conseguenze che potrebbe avere. Napolitano e' stato categorico: "Cambi immediatamente il clima venutosi a creare, serve responsabilita'". Napolitano ha espresso il suo rammarico soprattutto per quanto accaduto ieri al Tribunale di Milano, dove hanno manifestato i parlamentari del Pdl (E tra loro c'era un presidente del Senato ancora in carica ed un ex ministro della Giustizia). Il Capo dello Stato ha anche fatto un appello a un comune e generale senso di responsabilita' perche' "non appaia messa in questione la liberta' di espressione di ogni dissenso, l'autonomia e l'indipendenza della magistratura". Il presidente ha anche auspicato un immediato cambiamento del clima venutosi a creare. E per questo ha anche convocato, nel pomeriggio al Quirinale, l'ufficio di presidenza del Csm. Non e' che il Pdl si aspettasse molto di piu', ben sapendo che la magistratura e' un potere autonomo, come stabilito dalla Costitutzione. "Napolitano - ha spiegato Alfano ha ascoltato con grande attenzione le nostre preoccupazioni per i rischi che sta correndo la democrazia". Ed ancora: "Di fronte a questi rischi il Pdl continuera' a esprimere, con tutte le forze di cui dispone, le proprie ragioni e a difendere la propria storia e quella di Silvio Berlusconi".

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi