Operazione "fiato sul collo", i grillini occupano le file alte delle Camere come i montagnards di Robespierre, prime fumate nere

. Politica

I grillini hanno "invaso" con la loro diversita' le Camere, indubbiamente una ventata di novita', anche se tutti rigorosamente in giacca e cravatta gli uomini, eleganti le donne. Hanno subito rimarcato la loro presenza dando via all'operazione "fiato sul collo", hanno cioe' occupato le file centrali piu' in alto dell'emiciclo di Camera e Senato. "Cosi'contralliamo - spiegano - cosa fanno i partiti". Uno dei M5S si presenta con una scritta sulla cravatta: "No carbone", molte le spille "No Tav". I "marziani" 109 deputati e 54 senatori hanno quasi tutti la spilletta del movimento a 5 stelle.I posti occupati alla Camera erano quelli dei futuristi di Fini, scomparsi, ed i parte del Pdl. Dai grillini niente omaggio al nuovo Papa Francesco. Quando al Senato il presidente di turno, il piu' anziano, il senatore a vita Emilio Colombo ha rivolto gli auguri al neo Pontefice, con l'assemblea tutta in piedi, i grillini sono rimasti invece seduti e c'e' stato anche qualche gesto di insofferenza, come quello di scuotere le mani. Il movimento 5 stelle vuole anche ricalcare le orme della rivoluzione francese ed in particolare dei montagnards di Robesperrierre, di Danton e Marat (i cosidetti giacobini), cosi' detti perche' occupavano i banchi posti piu' in alto nella Covenzione in netta contrapposizionecon i Girondini. Montagnards che pero' non ebbero mai la maggioranza. Dopo il recupero del "terme di cittadino", un altro omaggio del movimento alla Rivoluzione francese. Tra l'altro Grillo ha piu' volte evocato la ghigliottina, che per fortuna, questa voilta non prevede il taglio delle teste, ma solo dei privilegi della casta. Certo un accordo con il M5S si presenta sempre piu' difficile per Bersani, che pero' ancora insiste tenacemante per trovare un opunto d'incontro sulla presidenza delle Camere, anche in vista della formazione di un nuovo governo. Per ora i grillini votano i loro candidati, mentre da Pd e Pdl viene imbucata la scheda bianca. Ovviamente la prima e' stata una doppia fumata nera. Nelle prossime votazioni si vedra'. Al Senato dalla quarta votazione c'e' il ballottaggio tra i due candidati piu' votati. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi