Decade immunità' , il giorno degli arresti per Cosentino, Tedesco, De Gregorio e Nespoli

. Politica

Primo giorno della nuova legislatura, la diciasettesima, e primo giorno di carcere per gli ex parlamentari che vedono finire la loro immunita' (Le rispetteve Camere avevano votato contro la richiesta di arresto dei Pm). Cosi' a Napoli si e'costituito, nel carcere di Secondigliano, Nicola Cosentino. A suo carico due richieste di arresto, con l'accusa di riciclaggio e corruzione, l'altra per concorso esterno in associazione cammorista. Cosentino era coordinatore del Pdl in Campania. Alle utime elezioni, dopo un lungo braccio di ferro tra Alfano e Berlusconi, non e' stato ricandidato. In pratica la galera era sicura dal giorno dell'esclusione dalle liste. Prima ha detto di essere stato "pugnalato" da Berlusconi, poi qualche giorno fa c'e' stata una telefonata di riappacificazione. Altro arresto, quello del senatore Alberto Tedesco ex Pd, che fu salvato in aula dai voti del Pdl. E' accusato di associazione per delinquere, concussione, corruzione e turbativa d'asta. Poi c'e' il piu' noto di questi ultimi tempi, quel senatore De Gregorio, che ha riferito ai magistati dopo 6 anni, "per amore di verita'" di avere ricevuto ben tre milioni di euro, dei quali due in nero, da Berlusconi per cambiare casacca. Le accuse sono associazione per delinquere, truffa ai danni dello Stato, riciclaggio ed estorsione. Si e' consegnato ai finanzieri che lo accompagneranno nel suo domicilio ai Parioli. Preumibilmente il beneficio dei domiciliari gli sono stati concessi per la sua collaborazione con la magistratura. Nel pomeriggio ai domiciliari andra' anche Vincenzo Nespoli del Pdl, sindaco di Afragola. Gli sono state notificate due misure cautelari: una per bancarotta, l'altra per riciclaggio.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi