Grillo perdona, trappola Pdl-Pdmenoelle 'irricevibili contro foglie di Fico'

. Politica

Grillo, per questa volta, perdona i dissidenti, i 12 che al Senato hanno votato per Grasso in qualche modo li giustifica, perche' sono caduti in una trappola. Foprse li perdona anche per non aprire subito feriti nel movimento, difficilmente risanabili, almeno a breve. "La scelta tra Schifani e Grasso - tuona Grillo - era una scelta impossibile. Si trattava di decidere tra la peste bubbonica e un forte raffredore. La coppia elettorale e' stata decisa a tavolino da Pdl e Pdmenoelle. I gemelli dell'inciucio sapevono perfettamente che Schifani non sarebbe stato eletto". Il poratavoce del M5S attacca anche il professore: "I capricci di Monti che voleva diventare presidente del Senato, ma e' stato costretto a prolungare il suo incarico di premier e per ripicca aveva minacciato di votare Schifani era una pistola scarica. I giochi erano gia' fatti per mettere in difficolta' i 5 stelle. Qualcuno, anche  in buona fede, ci e' cascato". Insomma Grillo assolve con la condizionale "i traditori" ma avverte che gli sconti sono finiti, perche' lo schema della trappola si ripetera' in futuro: "Berlusconi proporra' persone irrecevibili, il Pdmenoelle delle foglie di fico. Ma il M5S non deve cader in queste trappole". I timori di Grillo riguardono l'elezione per il prossimo inquilino del Colle ed il voto di fiducia su un eventuale governo presieduto da Bersani. Il portavoce dei 5 stelle sa che Bersani conta di prepare per il governo una squadra fuori dagli schemi con molte donne e con profili tipo Grasso e la Boldrini. E mette le mani avanti. 

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi