Grasso: Incarico? Pronto a tutto, ma non ho aspirazioni

. Politica

Il presidente del Senato, Pietro Grasso dice: "Per l'Italia sono pronto a tutto", poi spiega, a proposito di un eventuale incarico da parte di Napolitano per esplorare o per fare un governo, di essere un servitore dello Stato, e quindi di essere sempre disponibile. Ma "questa disponibilita' non sia fraintesa come aspirazione diversa da quella di dare tutto l'apporto possibile al paese in qualita' di presidente del Senato". Grasso sul'iimediato futuro politico, ha aggiunto: "Sono un ottimista per natura". Quindi e' del parere, che in un modo  nell'altro, un govrno si fara'. E lui potrebbe essere l'uomo giusto per formare un governo con personalita' estranee ai partiti, appoggiato in modo trasversale da quella "strana maggioranza" che fu gia' di Monti, cioe' Pd-Pdl-Monti. Non un governo tecnico ma piu' un governo istituzionale di garanzia per fare alcune riforme ed affrontare subito i molti problemi dell'economia. Per ora a parte le battute, nessuno ha perso tempo.I tempi un po' lunghi sono quelli previsti dalle regole istituzionali. Prima si e' dovuto insediare il Parlamento, poi l'elezioni dei presidenti delle Camere. Subito dopo, nei tempi piu' rapidi possibili, Napolitano ha cominciato le consultazioni. Non sarebbe stato possibile anticipare questo calendario, neppure di un giorno. Domani il Presidente conferira' l'incarico. Da quel momento si vedra' se i tempi saranno veramenti lunghi, oppure se sull'esempio del Conclave, si avra' rapidamente quella fumata bianca, che in questo momento, tanto farebbe bene al paese. L'unica preoccupazione di Napolitano e' di evitare, proprio allo scadere del suo settennato, di dare vita a situazioni pasticciate, che potrebbero danneggiare anziche' aiutare gli italiani.

©in20righe - RIPRODUZIONE RISERVATA




Potrebbero interessarti:

I commenti sono chiusi